Home / ANTITRUST ENFORCEMENT / AFFIDAMENTI VARI DI SERVIZI DI VIGILANZA PRIVATA: L’AGCM ESTENDE OGGETTIVAMENTE IL PROCEDIMENTO I821

AFFIDAMENTI VARI DI SERVIZI DI VIGILANZA PRIVATA: L’AGCM ESTENDE OGGETTIVAMENTE IL PROCEDIMENTO I821

agcmCon provvedimento del 29 maggio 2018, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha deliberato di estendere oggettivamente il procedimento I821.

Come si ricorderà, nel febbraio 2018 l’Autorità aveva avviato un’istruttoria nei confronti delle società Coopservice s. Coop.p.a, Allsystem s.p.a., Istituti di Vigilanza Riuniti s.p.a. e le sue controllanti SKIBS s.r.l. e Biks Group S.p.a., Italpol Vigilanza s.r.l. e la sua controllante MC Holding s.r.l., Sicuritalia s.p.a. e la sua controllante Lomafin SGH s.p.a., per accertare se tali imprese avessero posto in essere una o più intese restrittive in violazione dell’art. 2 della legge n. 287/90 e/o art. 101 del TFUE. In particolare, secondo l’ipotesi accusatoria, in occasione di alcune procedure pubbliche di affidamento del servizio di vigilanza privata, tali società avrebbero adottato modalità di partecipazione volte ad evitare il confronto competitivo in gara, anche mediante l’uso ingiustificato dell’istituto del Raggruppamento Temporaneo di Imprese (RTI).

L’istruttoria riguardava inizialmente le gare bandite (i) dall’Azienda Regionale Centrale Acquisti S.p.A. (ARCA) nel 2016, (ii) da Trenord S.p.A. nel 2014, (iii) da Expo 2015 S.p.A. nel 2013, (iv) dall’Agenzia Regionale per l’acquisto di beni e servizi – Intercent della regione Emilia-Romagna (Intercent-ER) nel 2013 e nel 2015 e (v) da Infrastrutture Lombarde S.p.A. nel 2013. Tuttavia, con l’estensione oggettiva in questione l’Autorità ha deciso di estendere il procedimento anche all’attività di coordinamento nell’offerta di servizi a soggetti pubblici e privati, nonché agli accordi aventi ad oggetto affidamenti reciproci di servizi tra le parti.

Il provvedimento è disponibile qui: I821.

Fonte: AGCM

Download PDF