Home / ANTITRUST ENFORCEMENT / PUBLIC ANTITRUST ENFORCEMENT / Abuso di posizione dominante / FARMACI ANTITUMORALI: L’AGCM ACCERTA L’OTTEMPERANZA DI ASPEN

FARMACI ANTITUMORALI: L’AGCM ACCERTA L’OTTEMPERANZA DI ASPEN

farmaciCon provvedimento del 13 giugno 2018, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha deliberato di chiudere il procedimento avviato nei confronti della società Aspen per verificare l’ottemperanza al precedente provvedimento del 29 settembre 2016 (A480). A seguito dell’intervento dell’AGCM, infatti, i prezzi di alcuni farmaci antitumorali distribuiti in Italia da Aspen sono stati ridotti da un minimo del 29% ad un massimo dell’82%.

Come si ricorderà, nel settembre 2016 l’Autorità aveva condannato alcune imprese del Gruppo Aspen (Aspen Pharma Trading Ltd., Aspen Italia s.r.l., Aspen Pharma Ireland Ltd., Aspen Pharmacare Holdings Ltd.) per un abuso di posizione dominante consistente nell’imposizione di prezzi eccessivamente onerosi, ottenuti tramite una pressione negoziale indebita nei confronti del regolatore farmaceutico AIFA in relazione ai seguenti farmaci antitumorali: Leukeran (2 mg – 25 compresse), Alkeran (50 mg/10 mg polvere e solvente per soluzione iniettabile – 1 flacone), Alkeran (2 mg – 25 compresse), Purinethol (50 mg – 25 compresse), Tioguanina (40 mg – 25 compresse). Il Gruppo Aspen era stato sanzionato per circa 5 milioni di euro. Vale ricordare che subito dopo la decisione dell’AGCM anche la Commissione europea ha avviato un caso identico (ancora in corso) nei confronti del gruppo Aspen, relativamente alle condotte attuate negli altri 27 paesi dell’Unione Europea.

Nel corso del procedimento di ottemperanza e ad esito di una lunga fase negoziale avviata a seguito del provvedimento del settembre 2016, nel mese di aprile 2018 Aspen e AIFA hanno raggiunto un nuovo accordo finalizzato alla definizione dei prezzi dei farmaci antitumorali. Preso atto che si tratta di prezzi definiti sulla base della regolazione vigente e che l’applicazione di tali prezzi avrà efficacia retroattiva a partire dalla data in cui è stata accertata la natura abusiva dei vecchi prezzi (i.e. 29 settembre 2016), l’AGCM ha quindi deciso di chiudere il procedimento, accertando l’ottemperanza del gruppo Aspen alla sua decisione.

Il provvedimento è disponibile qui: Aspen.pdf.

Fonte: AGCM

Download PDF
In cima