Home / ANTITRUST ENFORCEMENT / VENDITE ON LINE DI STUFE: L’AGCM AVVIA UN’ISTRUTTORIA PER POSSIBILE INTESA RESTRITTIVA

VENDITE ON LINE DI STUFE: L’AGCM AVVIA UN’ISTRUTTORIA PER POSSIBILE INTESA RESTRITTIVA

XXXXStufa_a_ghisa_n_legno_inserita_dentro_il_caminettoCon provvedimento del 17 maggio 2017, l’Autorità  Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha deliberato di avviare una istruttoria nei confronti della società  Cadel S.r.l. per accertare una possibile violazione dell’articolo 101 del TFUE nell’ambito del procedimento I813.

Sulla base di una segnalazione ricevuta dall’Autorità, almeno a partire dal luglio 2016 la società investigata avrebbe adottato, nell’ambito dei rapporti verticali con i propri distributori attivi online, condotte che potrebbero configurare una imposizione di prezzi minimi di vendita (c.d. RPM), nonché altre restrizioni alle vendite online apparentemente non giustificate da esigenze di natura qualitativa.

Tali restrizioni, sempre secondo l’AGCM, sarebbero idonee a restringere la concorrenza fra i distributori sul prezzo e a limitare ingiustificatamente al
solo territorio nazionale le vendite effettuate tramite il canale di vendita on line, ostacolando, per tale via, lo sviluppo concorrenziale del canale distributivo citato.

Il procedimento dovrà  concludersi entro il 30 giugno 2018.

Il provvedimento è disponibile qui: I813.

Fonte: AGCM

Download PDF
In cima