Home / ANTITRUST ENFORCEMENT / PUBLIC ANTITRUST ENFORCEMENT / Abuso di posizione dominante / BANDA ULTRALARGA: L’AGCM PUBBLICA GLI IMPEGNI DI TELECOM ITALIA

BANDA ULTRALARGA: L’AGCM PUBBLICA GLI IMPEGNI DI TELECOM ITALIA

mundo-fio-bandalarga_640x424Con provvedimento del 26 luglio 2018, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) ha deciso di pubblicare gli impegni presentati da Telecom Italia S.p.A. (di seguito, “Telecom Italia”), nell’ambito del procedimento A514. La società avrà tempo fino al 14 ottobre p.v. per eventuali rappresentazioni della propria posizione in relazione alle osservazioni presentate da terzi, nonché per eventuali modifiche accessorie agli stessi.

Come si ricorderà, il procedimento A514 era stato avviato nel giugno 2017 per accertare possibili violazioni all’art. 102 TFUE da parte di Telecom Italia. Più nel dettaglio, secondo l’ipotesi accusatoria, la società avrebbe posto in essere un’articolata strategia volta (i) a ostacolare lo svolgimento delle procedure di gara indette da Infratel Italia S.p.A. (di seguito, “Infratel”) per la copertura con reti FTTH delle aree bianche, in modo da preservare la posizione monopolistica storicamente detenuta in tali territori ed evitare l’ingresso di nuovi operatori concorrenti, nonché (ii) ad accaparrarsi preventivamente la clientela sul nuovo segmento dei servizi di telecomunicazioni al dettaglio a banda ultralarga, anche con politiche commerciali anticoncorrenziali (prezzi non replicabili, lock-in).

In tale contesto, gli impegni pubblicati consistono:

  • nell’adottare misure di standstill e per la riduzione dei costi dei concorrenti (Impegno n. 1);
  • nell’adottare misure relative alla fornitura di servizi di accesso all’ingrosso, volte a garantire una effettiva concorrenza nel settore (Impegno n. 2);
  • nell’adottare misure relative al mercato dei servizi al dettaglio che garantiscano la tutela del consumatore, nonché un regime di trasparenza del settore retail (Impegno n. 3);
  • nel rinunciare a tutte le iniziative giudiziali ed extragiudiziali pendenti ed in particolare ai ricorsi amministrativi con cui sono stati contestati l’impostazione generale della procedura selettiva (banda, lettera di invito, chiarimenti), nonché la disciplina regolatoria presupposta (Delibera AGCom n. 120/16/CONS) attinente alle condizioni tecniche ed economiche previste per l’erogazione dei servizi da parte del concessionario (Impegno n. 4);
  • nel realizzare le proposte contenute nel documento depositato in AGCom in data 27 marzo 2018, una volta verificata la percorribilità del progetto di separazione legale della rete fissa di accesso sotto il profilo della sostenibilità economico-finanziaria delle due società separate nel medio-lungo periodo alla luce dell’evoluzione del quadro regolamentare che verrà adottato dall’AGCom all’esito del procedimento ex art. 50-ter CCE (Impegno n. 5).

Il provvedimento di pubblicazione e gli impegni presentati sono disponibili qui: Impegni Provvedimento.

Fonte: AGCM

Download PDF