Home / ANTITRUST ENFORCEMENT / PUBLIC ANTITRUST ENFORCEMENT / Abuso di posizione dominante / CONDOTTE ESCLUDENTI NELLA PREVENDITA DI BIGLIETTI: L’AUTORITÀ ESTENDE IL PROCEDIMENTO E SI PRONUNCIA SULLE ESIGENZE CAUTELARI

CONDOTTE ESCLUDENTI NELLA PREVENDITA DI BIGLIETTI: L’AUTORITÀ ESTENDE IL PROCEDIMENTO E SI PRONUNCIA SULLE ESIGENZE CAUTELARI

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM), con tre provvedimenti, ha deliberato l’estensione oggettiva e soggettiva del procedimento A523, nonché l’avvio e la conclusione di un procedimento cautelare ai sensi dell’art. 14-bis della legge n. 287/90.

Come si ricorderà, il procedimento A523 ha ad oggetto l’accertamento di una presunta violazione dell’articolo 102 TFUE da parte delle società TicketOne S.p.A. e CTS Eventim AG & Co KGaA, tramite la stipula di contratti di esclusiva con i principali promoter nazionali, al fine di escludere o quantomeno marginalizzare dal mercato italiano dei servizi di ticketing per gli eventi di musica live gli altri operatori, attuali e potenziali, che gestiscono una piattaforma di ticketing, rendendo non contendibile una quota dell’input molto rilevante.

In tale contesto, l’AGCM, considerati gli elementi acquisiti nel corso degli accertamenti ispettivi effettuati presso le sedi di TicketOne S.p.A. e Ticketmaster Italia S.r.l., nonché le segnalazioni delle società ZED Entertaninment’s World S.r.l., Sol Eventi S.r.l. e Ticketmaster Italia S.r.l., ha ritenuto di estendere il procedimento (i) oggettivamente alle condotte adottate anche nel 2018, relative al rafforzamento della prassi di diniego sistematico delle deroghe all’esclusiva, nonché (ii) soggettivamente alle società F&P Group S.r.l., Di and Gi S.r.l., Vivo Concerti S.r.l., Vertigo S.r.l., controllate dalla società di diritto tedesco CTS Eventim AG &Co. KGaA, a capo dell’omonimo gruppo.

L’AGCM, inoltre, ha dapprima dato avvio ad un procedimento cautelare ai sensi dell’art. 14-bis della legge n. 287/90 volto all’eventuale adozione di misure cautelari, al fine di evitare che la condotta posta in essere dalle società indagate potesse determinare danni gravi e irreparabili durante il tempo necessario per lo svolgimento dell’istruttoria. All’esito dell’esame degli atti del procedimento, tuttavia, l’AGCM ha escluso la necessità di provvedere con urgenza per salvaguardare le condizioni di concorrenza nel mercato rilevante.

I provvedimenti sono disponibili qui: A523.

Fonte: AGCM

Download PDF