Home / ANTITRUST ENFORCEMENT / GARA CONSIP FM4: EROGATE SANZIONI PER CIRCA 235 MILIONI DI EURO

GARA CONSIP FM4: EROGATE SANZIONI PER CIRCA 235 MILIONI DI EURO

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Agcm) ha deliberato che le società C.N.S. Consorzio Nazionale Servizi Società Cooperativa, Consorzio Stabile Energie Locali S.c. a r.l., Engie Servizi S.p.a. (già Cofely Italia S.p.a.) in solido con la controllante Engie Energy Services International SA, Exitone S.p.a. in solido con la società Gestione Integrata S.r.l. e con le controllanti STI S.p.a. e Finanziaria Bigotti S.p.a., Kuadra S.r.l. in liquidazione in solido con la controllante Esperia S.p.a., Manital Società Consortile per i Servizi Integrati per Azioni Consorzio Stabile – Manital S.c.p.a. in solido con la controllante Manitalidea S.p.a., Rekeep S.p.a. (già Manutencoop Facility Management S.p.a.) e Romeo Gestioni S.p.a. in solido con la controllante Romeo Partecipazioni S.p.a., hanno posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza in violazione dell’articolo 101 TFUE.

In particolare, l’intesa ha avuto ad oggetto il condizionamento dell’esito della gara pubblica denominata FM4, bandita nel marzo del 2014 da Consip, per un appalto di rilievo comunitario dal valore complessivo di circa 2,7 miliardi di euro. L’appalto in questione riguarda l’esecuzione dei servizi di pulizia e di manutenzione in favore di tutti gli uffici pubblici presenti sull’intero territorio nazionale. All’esito dell’articolata istruttoria svolta, durante la quale l’Agcm si è avvalsa anche di parte della documentazione acquisita agli atti del procedimento penale aperto presso la Procura della Repubblica di Roma per ipotesi di reato connesse alla gara in parola, è stato accertato che l’intesa, realizzata principalmente nella forma di pratiche concordate, era finalizzata a ridurre e/o ad eliminare ogni incertezza in merito alle strategie di partecipazione e di offerta per tale gara, con l’obiettivo di giungere a una spartizione dei suoi lotti.

In virtù della particolare gravità dell’infrazione, sono state comminate sanzioni per un importo pari a circa 235.000.000 euro.

Il provvedimento è disponibile qui: I808.

Download PDF